Il fuoco attentivo: alcune questioni irrisolte