Sull'interpretazione dello sviluppo locale