Il lapidario attribuito a Zucchero Bencivenni: edizione e studio linguistico