Sui capitoli 43 e 122 dell'Editto di Teodorico