Alcibiade e il morso di Socrate: un caso di coscienza