Quando la natura gioca con la cristallografia