Alcune osservazioni in margine ad un recente Decreto della Sacra Congregazione