Su una congettura di Nash