Reminiscenze da 'Medea' nel libretto di 'Norma': sulla memoria euripidea di Felice Romani