Sulla sensitività di un criterio di dominanza stocastica