Sulla (difficilissima) distinzione tra lavoratore a domicilio e artigiano senza dipendenti