Sul secondo metodo di Liapunov