Vocazione al sacrificio: il caso bielorusso