Melancolia e disciplina: riflessioni critiche