Sull'uso delle commissioni interne come 'cavallo di Troia'