Imre Lakatos tra il diavolo hegeliano e il profondo mare azzurro di Popper