A proposito di un nuovo testo simonideo (Sim. frr. 10-18 W2) e dell'elegia storica