La critica per immagini: un diritto virtuale?