Sovversione dell'autobiografia. 'Il buon Stalin' di Viktor Erofeev