Sul problema della stabilitÓ asintotica