Sulla legittimazione attiva ex art. 28 St. lav. dello Slai