Editoriale: quattro ministeri e un referendum