Il "c'è" nella poesia