Intellettuali e potere: la tragedia