Teatro socialista e teatro dell'assurdo: Harald Gerlach