Romano Guardini e il paradigma della fede nuda