Ibsen, Wedekind e il circo della vita