Sulla non validitÓ di un teorema di approssimazione