Vladimir Sorokin, il concettualista dubbioso