Cesare Battisti tra Trento, Vienna e Innsbruck