I giovani d'oggi: davvero 'cinici e vuoti'?