Un tetrafarmaco per il filologo: a proposito di alcuni esercizi di critica bartoliana