Sull'interpretazione anaforica del pronome 'soggetto vuoto'