Emilio De Marchi e la coscienza infelice di Demetrio Pianelli