Nel contributo si sviluppano alcune considerazioni in merito alla forma, al contenuto e alla funzione delle inscriptiones del Digesto. Come noto, differenze più o meno significative si riscontrano sotto il profilo formale delle inscriptiones. Per quanto attiene al contenuto, invece, per la maggior parte dei frammenti è possibile rinvenire l’autore e l’opera dalla quale essi sono stati escerpiti, con l’eventuale precisazione del numero del libro. Alla luce di un’analisi dei §§ 10, 22 e 20 della costituzione Tanta, in realtà, non è da escludersi che, inizialmente, intenzione di Giustiniano fosse quella di indicare per ogni passo escerpito soltanto il nome del suo autore e omettere del tutto l’indicazione dell’opera. Un dato del tutto mancante nelle inscriptiones digestuali, invece, è quello relativo ai titoli – ossia le ripartizioni interne – delle opere escerpite. Ponendo a confronto, per i passi per cui è possibile farlo, la rubrica dell’opera originale e la rubrica del Digesto in cui essi sono stati inseriti, si evince che i giustinianei hanno evitato un inserimento così puntuale per non tradire la decontestualizzazione – parziale o totale – dei frammenti da loro operata. Quanto alla funzione delle inscriptiones, infine, si giunge alla conclusione che, dietro al rispetto e alla deferenza per i giuristi del passato, vi era probabilmente anche l’intento dell’Imperatore Giustiniano di corazzare la sua opera con la potente e autorevole voce degli antichi.

Brevi note sulle inscriptiones del Digesto / Pezzato, Elena. - In: CULTURA GIURIDICA E DIRITTO VIVENTE. - ISSN 2384-8901. - ELETTRONICO. - 10:(2022), pp. 1-14.

Brevi note sulle inscriptiones del Digesto

ELENA PEZZATO
2022

Abstract

Nel contributo si sviluppano alcune considerazioni in merito alla forma, al contenuto e alla funzione delle inscriptiones del Digesto. Come noto, differenze più o meno significative si riscontrano sotto il profilo formale delle inscriptiones. Per quanto attiene al contenuto, invece, per la maggior parte dei frammenti è possibile rinvenire l’autore e l’opera dalla quale essi sono stati escerpiti, con l’eventuale precisazione del numero del libro. Alla luce di un’analisi dei §§ 10, 22 e 20 della costituzione Tanta, in realtà, non è da escludersi che, inizialmente, intenzione di Giustiniano fosse quella di indicare per ogni passo escerpito soltanto il nome del suo autore e omettere del tutto l’indicazione dell’opera. Un dato del tutto mancante nelle inscriptiones digestuali, invece, è quello relativo ai titoli – ossia le ripartizioni interne – delle opere escerpite. Ponendo a confronto, per i passi per cui è possibile farlo, la rubrica dell’opera originale e la rubrica del Digesto in cui essi sono stati inseriti, si evince che i giustinianei hanno evitato un inserimento così puntuale per non tradire la decontestualizzazione – parziale o totale – dei frammenti da loro operata. Quanto alla funzione delle inscriptiones, infine, si giunge alla conclusione che, dietro al rispetto e alla deferenza per i giuristi del passato, vi era probabilmente anche l’intento dell’Imperatore Giustiniano di corazzare la sua opera con la potente e autorevole voce degli antichi.
Pezzato, Elena
Brevi note sulle inscriptiones del Digesto / Pezzato, Elena. - In: CULTURA GIURIDICA E DIRITTO VIVENTE. - ISSN 2384-8901. - ELETTRONICO. - 10:(2022), pp. 1-14.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/344737
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact