"Vox communis, anima communis": terapia e coesione dal linguaggio in Democrito