Se il virus non è democratico. Squilibri di genere nella pandemia