Nota sul concetto di 'formalità dialogico-procedurale' come base per una 'metafisica aperta' in Tommaso d'Aquino