Fackenheim su Rosenzweig, ovvero della storicità e dell'eternità dell'esistenza ebraica nel suo autoesporsi alla filosofia moderna e all'evento Auschwitz