Attraverso gli specchi della riscrittura: il Sonatorrek di Egill Skallagrimsson e le traduzioni italiane di Ibsen