Scelte di (fine) vita: cambia il diritto, può cambiare la medicina?