Sulla stabilitÓ dei moti merostatici di particolari sistemi anolonomi