Comunicare la scienza “in tempo di guerra”: il ruolo degli esperti in pubblico e quello della formazione