Il «Somnium» di Cicerone e la scala di Giacobbe: politica e poetica del «trasumanar»