Una lauda-orazione bresciana del Duecento