La Corte costituzionale, tra giuste attenzioni e eccessi di prudenza