Un dialogo inatteso fra Mallarmé e Céline: dalla trascendenza dell’opera alla parola-esperienza