«Tu consideri la realtà sempre come titanica». Pavese, Leucò e il doppio mostruoso