Esserci e temporalità ne «La figlia di Babilonia» di Piero Bigongiari