Tra epos ed epinicio: il caso delle genealogie